Info +39.0421.211575

News

Rimani sempre aggiornato con le nostre News


Menù di Pasqua 2017

Ristorante Pic Nic Gourmet

Menù di Pasqua 2017

Sgombro in saor di cipolla viola su cubo di panella e aneto con calice di prosecco d.o.c.g. di Valdobbiadene

Antipasto

Carpaccio di rana pescatrice marinata è leggermente affumicata con misticanze

Primi piatti

Tortelli di pomodoro farciti con ventresca di tonno, in guazzetto di verdure di stagione

Risotto con carciofi, tartare di gamberi rossi e il loro corallo

Secondo piatto 

Pesce spada arrostito in olio cottura, finocchi gratinati  e arance candite

Dessert

Sorbetto al limone e basilico

Semifreddo all'ananas, granita di fragole e prosecco con spuntoni di cremoso al cioccolato

Colomba pasquale

Caffè 


Per info e prenotazioni tel. 0421.211575 o info@ristorantepicnic.it


Terza serata di degustazione gourmet

A grande richiesta,  arriva la terza  serata di degustazione gourmet, venerdì 27 mayo 2016 a Caorle.

Tempo permetendo, questa volta, l'apertitvo sarà davvero speciale e verrà fatto nel Dehor dallo stile minimalista del Ristorante Pic Nic Gourmet, direttamente sulle foce del Livenza. Si tratta di un vero e propio matrimonio fra i  profumi del vino friulano del collio e i sapori decisi dei molluschi dell'Alto Adriatico. 

Vi aspettiamo, in una serata del tutto estiva che, sicuramente sarà un vero e propio invito a mettere in muoto tutti in sensi. Questo è il menù:

Aperitivo a buffet in stile finger food

 

Cous cous di pesce e verdure

Piccole capresine

Focaccia alla ligure, zeppole ai fiori di zucca e rosmarino, focaccine miste etc etc.....

Chardonnay doc Borgo Conventi 2015

A tavola:

Antipasto

Calamaro scottato, insalatina estiva di finocchio con arance e rapanelli 

Ribolla gialla doc Borgo Conventi 2015

Primo piatto:

Risotto, in millefoglie di seppia, al limone e rosmarino mantecato all'olio e.v.o

Friulano doc Collio,Borgo Conventi 2015

Secondo piatto:

Variazion di piovra

Cannoncini farciti con verdurine in agrodolce

Bocconcini fritti su crema di piselli, arrostita al burro di cacao con sfere di zucca mantovana

Sauvignon doc Collio, Borgo Conventi 2015

Desserts

Sorbetto dello Chef alle fragoline di bosco  e Cabernet Franc Borgo Conventi

Piccola pasticceria secca

TOT.€ 40.00 a persona

 


Menu di Pasqua 2016

Il menu di Pasqua 2016 del Ristorante Pic Nic Gourmet evoca la voglia di mare e di primavera. Gli Chefs Fabio Olmo e Marcella Zeni, vi propongono molte deliziose novità, preparate con materie prime di alta qualità..

Buon appetito!

Aperitivo di benvenuto

Sandwich con biscotto al sesamo farcito con verdurine, branzino e mela verde

Antipasti

Insalata catalana con canocchie, scampi e gamberi su crema di topinambur

Noce di cappa santa in crosta di anacardi, corallo d' astice e guacamole

Primi piatti

Ravioli di spinaci, ripieni al salmone selvaggio, in guazzetto di vongole "peverasse"

Risotto "carnaroli" con orata fumè e punte di asparagi verdi, mantecato all'olio e.v.o.

Secondo piatto

Trancetti di ombrina, in crosta di pistacchi e lime, su rose di carciofi e carotine baby

Sorbetto al limone e basilico

Dolce

Bavarese al cioccolato bianco, croccantino al sale affumicato e cremoso alle fragole

Colomba pasquale

Acqua, e caffè

Costo 60 euro, vini esclusi

 


Serata gourmet con lo chef stellato Paolo Cappuccio al Pic Nic Ristorante

Per la prima volta uno chef stellato, Paolo Cappuccio approda a Caorle e sarà il 16 luglio 2015 al Pic Nic Gourmet Ristorante, per stupirvi con la sua cucina creativa e con la sua passione per la sua professione, secondo lui, la più bella del mondo.

Il giovane chef Cappuccio ( Napoli, 1977) ha fatto una brillante carriera, in Italia e in Francia, sempre a contatto con le novità della gastronomia mondiale. La sua costante ricerca per l’innovazione è stata premiata nel 2009 con la prestigiosa stella Michelin.

Di personalità determinata e curiosa, portò a Madonna di Campiglio la sua interpretazione della cucina mediterranea a base di pesce. Un vero azzardo in un posto di montagna, che però fu riconosciuto con la prestigiosa stella.

Oggi lo chef Cappuccio appaga i gusti più esigenti nel Ristorante la Casa degli Spiriti sul Lago di Garda e frequenta il Master in Nutrizione Culinaria.

I suoi piatti ricchi di colore, contrasti, novità e sempre caratterizzati da un pizzico di trasgressione, sono come opere d’arte. A suo dire la cucina, in particolare, “la cucina mediterranea” è un’espressione di vita, che interpreta come filosofia rivolta alla qualità del prodotto e alla ricerca dei dettagli per far si che, arrivi al cliente tutta la passione che mette per soddisfare le esigenze di tutti i palati.

Vi state domandando cosa vi aspetta alla serata Gourmet al Ristorante Pic Nic di Caorle? Sarà molto più che una carrellata di portate. Ci sarà tanta cucina di alta qualità e un po’ di follia. Per cominciare, un entrè molto particolare: Ceviche di pesce sapada con sorbetto al mojito. “La cucina deve essere una cosa allegra, divertente, salutare”, dice Paolo.

Lo chef Cappucio preparerà un piatto inedito, La non pizza, ovvero una ricetta con gli ingredienti della pizza: mozzarella, pomodoro, crudo di seppia, ombrina, alice, bottarga fumé, cipolla marinata, capperi di pantelleria, origano, emulsione di pomodoro e spuma di mozzarella, che come sottolinea Paolo, insieme “creano un equilibrio tra loro”.

Poi, lo sgombro arrostito -pesce azzurro, ricco di omega 3- abbinato alla lattuga wasaby, caviale di salmone keta e burrata. Per chi ama i crostacei, sicuramente rimarrà soddisfatto con lo Scampo di Porto Santo Spirito scottato, foie gras, limone candito, borragine, erbette spontanee in tempura croccante e riduzione di vitello. A seguire, Sorbetto all’anguria e gin. E per finire il dolce: variazione sul tema cioccolato Valrhona, pistacchio di Bronte e ciliegie.

Potete scaricare il menù completo della serata Gourmet cliccando qui. Il menù comprende sette portate di pesce e crostacei con Bellavista in abbinamento. Il valore è di 80 euro a persona, degustazione Bellavista inclusa.

Buon appetito, e come dice lo chef Palo, buon divertimento!

 


Il sole della Puglia si posa nei piatti del Pic Nic Gourment Ristorante

La cucina che propongono gli chef del Pic Nic Gourmet Ristorante - Fabio Olmo e Marcella Zeni - è un invito al risveglio dei sensi, per la vista e l’olfatto. I maccheroncini di grano arso con calamari, crema di ricotta e geste’ di lime, senz’ombra di dubbio colgono tutta l’essenza del sole e la terra pugliese.

La farina di grano arso nasce dalla tradizione contadina pugliese, quando i poveri lavoratori della terra raccoglievano i chicchi rimasti dopo la mietitura e la bruciatura delle stoppie. I chicchi bruciati dal sole venivano macinati e mescolati con farina bianca, un lusso che non potevano permettersi, traendone così un maggior volume.

Oggi, però si produce in maniera diversa dall’originale: si sfrutta la tostatura del grano senza la completa bruciatura.

L’aspetto visivo è molto invitante, la farina tostata e scura fa contrasto con la ricotta e i calamari. Ha un profumo particolarissimo e molto invitante. Questo primo piatto, delicato e fresco, può essere degustato a pranzo o cena, accompagnato da un buon bicchiere di Lison – Pramaggiore.

Vi ricordiamo che l’accogliente nuova terrazza esterna del Pic Nic Gourmet Ristorante, con vista privilegiata sul mare Adriatico è aperta a mezzogiorno e a cena, fino a fine ottobre.


Il Ristorante Pic Nic di Caorle entra nel binario della cucina gourmet

Elegante, moderno, confortevole, misurato…Questo è il nuovo Ristorante Pic Nic Gourmet di Caorle, che prende dal francese il termine –buon gusto-, definizione perfetta per la cucina impegnata in voler ricercare i migliori prodotti del territorio abbinati alle nuove tecniche ed alla creatività. Il risultato è quello che propongono gli chef, Marcella Zeni e Fabio Olmo: piatti di buon gusto, ovvero gourmet.

Il ristorante esiste da luglio 1995 e deve il suo nome all’antico locale esistente dagli anni Sessanta, dove affacciata sulla foce del fiume Livenza sorgeva la terrazza del Pic Nic Dancing. Quando la famiglia Zeni prende in mano il Pic Nic, ormai 20 anni fa,  piano piano lo trasforma in un vero e proprio ristorante. D’altro canto i clienti sono diventati sempre più esigenti e soddisffati.

Dal 14 marzo il ristorante Pic Nic entra ufficialmente nel binario gourmet. La cucina ottima e creativa degli chef, Fabio e Marcella trova l’identità mancante nel nuovo locale completamente rinnovato: i tavoli sono stati dislocati in maniera molto confortevole, lasciando uno spazio generoso tra l’uno e l’altro. E come se questo non bastasse, le sedie sono comodissime, ideali  per godersi un bel tramonto, oppure apprezzare il traficco dei pescherecci mentre si degustano degli ottimi piatti.

In mezzo alla sala,  l’acquario con le migliori specialità del pesce dell’alto Adriatico. Il bar, anche esso rinnovato, luminoso e moderno, ideale per prendere un aperitivo con la splendida vista sul mare. Infine, la cantina dei vini è stata ampliata sia come spazi e anche di nuove etichette del territorio e non solo.

Il ristorante è aperto tutti i giorni, mentre il venerdì, sabato e domenica, anche a cena. In concomitanza con la stagione estiva sarà sempre aperto fino all’ultima domenica di ottobre.


Ravioli verdi ripieni baccalà

Le ricette dallo chef del Ristorante Pic Nic, Fabio Olmo continuano a stupirci. Questa volta ci presenta un piatto per chi ha voglia d’assaggiare i gusti dell’autunno: ravioli verdi fatti in casa, ripieni di baccalà, su crema di ceci e intingolo ai crostacei.

Tutti sapiamo che il baccalà non è altro che un merluzzo conservato sotto sale. Ed è proprio la salatura che permette la conservazione a lungo tempo. Il bacalà che prepara Fabio, invece viene dissalato, cotto con delle foglie di alloro e mantecato con della robiola.

Fabio, poi prepara la sfoglia verde per i fagottini; il verde ottenuto dalla clorifilla del prezzemolo; prima frullato, filtrato e infine, portato a 65 gradi. Con l’ultimo passaggio, lo chef ottiene il colore verde: un composto impalpabile per la pasta all’uovo.

Ed ecco un primo di un gusto delicato che anticipa l’autunno. Vi consigliamo di assaggiare questa primizia a pranzo o a cena, accompagnandola da un vino deciso come un Sauvignon di Lison. Buon appettito!


Il mare Ligure e l’Adriatico si sposano al Ristorante Pic Nic

Dicono che i liguri sono molto attaccati alla loro terra e anche al loro mare di un blu sempre brillante. Lo chef del Ristorante Pic Nic, Fabio Olmo lo conferma: crea sempre dei piatti che hanno un pizzico d’aria genovese e la creatività che da sempre caratterizza le sue ricette.

Questa volta, lo chef Fabio ha creato un perfetto matrimonio fra il mare Ligure e l’Adriatico: dorso di pesce castagna in crosta di erbe aromatiche e mandorle, pesto al basilico e mazzancolla di Caorle.

Pesce castagna del mar ligure e mazzancolla di Caorle, un bell’incontro di sapori per un secondo, ideato por soddisfare la vostra voglia di mare. Beh sì, perché il pesce castagna si pesca nella Liguria e possiede una carne abbondante ed è buonissima. Invece, la mazzancolla è un crostaceo di fondale di sapore dolce e delicato. Squisito il matrimonio di mazzancolla e pesce castagna, viene servito con dei crostini, pane arabo e pomodorini.

Vi invitiamo ad assaggiare questo secondo, a cena o a pranzo, accompagnato da un calice di prosecco docg Valdobbiadone.

Buon appetito!


Il Ristorante Pic Nic riceve per terzo anno il Certificato di Eccellenza TripAdvisor

La bella notizia arrivò nel 2012. Poi si è ripetuta nel 2013 e anche quest’anno, il Ristorante Pic Nic di Caorle ha ricevuto il Certificato di Eccellenza TripAdvisor, che dimostra una costante opinione positiva dei clienti.

In parole del presidente de TripAdvisor for Business, Marc Charron “Questo prestigioso riconoscimento viene attribuito in base alla qualità delle opinione e delle recensioni pubblicate su TripAdvisor nel corso dell’anno passato”.

E come si fa per essere un vincitore del Certificato di Eccellenza? TripAdvisor utilizza un algoritmo che conta in punteggi ottenuti dai ristoranti attraverso le opinione dei viaggiatori. I ristoranti devono mantenere un punteggio complessivo di almeno quattro punti su cinque, avere un numero sufficiente di recensioni recenti e occupare una posizione privilegiata nella classifica di visibilità del sito.

Quando è arrivato il postino con la busta di TripAvdisor, lo chef Fabio Olmo e i proprietari del Ristorante Pic Nic, Mirco, Maristella e Marcella Zeni hanno festeggiato con un calice di prosecco. “Ottenere il Certificato di Eccellenza di TripAdvisor ci riempi di orgoglio e ci mette ancora più voglia di lavorare con la passione di sempre. Desideriamo ringraziare a tutti i nostri clienti che hanno scelto di scrivere una recensione. Grazie a tutti”, ha dichiarato lo chef Fabio.


La primavera è arrivata alla cucina del Ristorante Pic Nic

Dall’accogliente terrazza del Ristorante Pic Nic si vedono le barche, seguite da interi stormi di gabbiani, che entrano al porto di Caorle piene di pesce fresco. Mentre in cucina, lo chef Fabio Olmo fa magia con i frutti della primavera che ci regala il mare Adriatico.

Ed ecco un antipasto del tutto primaverile: insalatina di seppie nostrane, pescate a rete, bianchissime e morbide come il burro. Poi, una cannocchia molto delicata al vapore, accompagnata dalle alici marinate in casa con olio extravergine di olive liguri e prodotto a Rapallo (Genova) dal padre dello chef Fabio. Ci mette anche un pizzico di limone.

Per arricchire il vostro palato, il piatto sarà corredato da gusti ancor più decisi. A cominciare dal moscardino caorlotto, il piccolo mollusco che vive nei fondali dell’Alto Adriatico e denominato dalla commissione apposita, di origine protetta.

La pesca del moscardino a largo del litorale di Caorle si pratica da secoli, specialmente in primavera. Lo chef Fabio pulisce la carne morbida e gustosa del moscardino per poi condirla leggermente. Non può assolutamente mancare il crostino con dentice mantecato con prezzemolo, capperi e acciughe.

Non si può fare a meno di assaggiare la sarda in saor, fatta come nella tradizione veneziana: uvetta, cipolla bianca appassita e pinoli tostati.

Quest’antipasto è un piatto fresco, ideale per mettere in bocca i gusti della primavera che ci regala il mare Adriatico. V’invitiamo a degustare questa delizia primaverile, a cena o a pranzo, accompagnato da un calice di Chardonnay di lison-pramaggiore. Buon appetito!


Pranzo di Pasqua 2014 al Ristorante Pic Nic, fra creatività e freschezza

Se siete amanti della cucina tradizionale di Caorle, interpretata con  delicatezza  e creatività dallo chef Fabio Olmo, il menú di Pasqua del Ristorante Pic Nic sicuramente è in grado di soddisfare anche i gusti più esigenti.

Cominciamo con un aperitivo di benvenuto in calice di prosecco di Valdobbiadene.

Gli antipasti saranno tre:

Ventaglio di tonno rosso e pesce spada marinati al sale per 24 ore, accompagnato con insalatina e germogli di primaverili di piselli e fave.

Zuppetta di pesci nobili come la gallinella, pesce ragno, canocce, sampietrini. Tutta questa delizia insaporita con pistilli di zafferano e servita con canestrelli bianchi.

Il terzo antipasto contiene seppia nostrana ripiena di fave fresche, pecorino e passata di pomodoro fresco.

Il primo piato è una delizia da leccarsi le dita: pasta corta di Gragnano con vongole telline bottarga di muggine e con cassè di pomodoro.

A questo punto vi consigliamo riservare spazio per il secondo: dorso di ricciola, pesce del mare Adriatico, avvolto  in foglia di bieta, retina croccante e carciofo arrostito.

Per passare al dolce prima vi aspetta il sorbetto all’arancio e basilico molto fresco.

 Arrivati quasi alla fine, un posticino dovrete avere ancora nello stomaco per assaggiare il dolce di mouse al cioccolato con foglie di menta e fragoline di sottobosco fresche. In fine la classica colomba di Pasque del tutto artigianale.


Questo è un vero spritz

Lo spritz è un aperitivo alcolico molto difusso in Veneto, ma questo che prepara Mirco Zeni, membro de la famiglia Zeni, proprietaria del Ristorante Pic Nic di Caorle è un vero e proprio spritz.

La parola spritz vine dal tedesco spritzen, che significa spruzzare. Infatti durante la dominazione dell’Impero Austriaco, tra la fine de 1700 e 1800 i militari chiedevano ai baristi italiani uno spritzen: un bel spruzzo d’acqua nel vino spumante.

Come tutte le cose, piano a piano arrivano diverse variazioni. La più conosciuta è quella che prepara Mirco: taglia arancia a spicchi, mette giacchio nel calice, poi, la dose giusta di aperol, prosecco. Infine, una spruzzata d’acqua minerale gasata.

Vi invitiamo a provare lo spritz Mirco al Ristorante Pic Nic di Caorle, godendo di un bel tramonto in terrazza, oppure sulla scogliera. Una esperienza per il palato e  l’anima memorabile.

football news


Sorbetto ai fichi neri

Vi invitiamo a degustare il sorbetto ai fichi neri, il nuovo dolce dello chef del Ristorante Pic Nic, Fabio Olmo, seduti nella accogliente sala con vista panoramica al mare o nell’unica terrazza sulla spiaggia di Caorle.

Dopo il lungo inverno, finalmente l’estate è arrivata! Un sorbetto provoca sempre grande soddisfazione al palato, ma meglio se viene assaggiato con la brezza del mare di Caorle.

Se la voglia di sorbetto continua, Fabio vi fa assaggiare il sorbetto al frutto della passione, oppure il sorbetto al pompelmo e pepe dalla China

Dolci deliziosi e delicati, come tutta la cucina del Ristorante Pic Nic.  Sono ideali per concludere in bellezza, a pranzo o a cena, dopo un secondo leggero e fresco: l’astice alla catalana, servito con verdure fresche  juline. Potete scegliere l’astice direttamente dal nostro acquarium.

Vi invitiamo a soddisfare la voglia di mare, a pranzo o a cena. Suggeriamo un vino fermo e strutturato, come un Sauvignon di Lison Pramaggiore.


Scorfano di fondale “a libro”

Che cosa vuole in pentola questa settimana al Ristorante Pic Nic di Caorle? Gli chef, Fabio Olmo e Marcella Zeni, come sempre propongono non solo piacere per la vista, ma golosissimi piatti, a base di pesce fresco.

Gli chef propongono scorfano di fondale a libro, sfilettato, cotto al forno, con cipolla rossa, rosmarino, olive taggiasche ligure e capperi.

Lo scorfano è un pesce di fondale.  Nuota nelle tegnue di Caorle, come sono chiamante in dialetto, caorloto le formazione rocciose in fondo al mare. Furono denominate tegnue (trattenute) perché molte ancore e reti sono rimaste impigliate.

Tutti i giorni, Fabio e Marcella scelgono i migliori pesci dal suo fornitore, che acquista pesce fresco al Mercato Itico di Caorle al metodo tradizionale, a recia (a orecchio). Nel pomeriggio, al rientro delle barche, al mercato funziona una vera e propria asta di pesce, ma all’orecchio. Chi offre il prezzo più alto lo acquista.

Vi invitiamo a degustare questa delizia estiva, a cena o a pranzo, accompagnato un calice di Gewurtztraminer dell’Alto Adige

(Copy write M.F.)


Delizioso primo tutto estivo

Benvenuti nella cucina creativa legata alle tradizioni di Caorle dallo chef del Ristorante Pic Nic, Fabio Olmo. Per cominciare, Fabio propone un primo tutto da assaggiare: un tris di ravioli, ripieni di gallinella, branzino e ali di razza in guazzetto di vongole lupini.

Fabio è genovese e da buon ligure ama mangiare la pasta fresca. I ravioli che vi proponiamo sono di pasta fresca fatta in casa e pesce fresco dell’Alto Adriatico.

Siete invitati a degustare la nuova ricetta a pranzo o a cena accompagnandola con un calice di prosecco di D.O.C. G. di Valdobbiadene. Il tutto in una atmosfera romantica con una vista mozzafiato direttamente sul mare.

Potete degustare il nuovo primo del Ristorante Pic Nic nella meravigliosa sala con vista alle foce del fiume Livenza o nella accogliente terrazza con vista alla spiaggia di Ponente di Caorle.

(Copy write M.F.)